mercoledì, 30 maggio 2018
BULL STOP code

Buongiorno a tutti!

Oggi, Mercoledì 23 Maggio 2018, noi alunni della Scuola Secondaria di Serra San Quirico e Angeli di Rosora, coordinati dalle insegnanti di Lettere, Matematica, Tecnologia, Arte e Religione, che ringraziamo, abbiamo presentato “BULL STOP code”, un gioco online, presso il Gruppo Loccioni, nell’ambito del Progetto “Dal Coding alla Saggezza Digitale”.

Il gioco è stato progettato e reso interattivo mediante WIX, una piattaforma gratuita, ma potrebbe diventare anche on paper e dunque onlife! E’ indicato per i bambini e i ragazzi dagli 8 anni in su e consigliato anche agli adulti.

Il nostro gioco vuole promuovere le regole d’oro per una navigazione sicura ed un corretto utilizzo della RETE e sviluppare il pensiero computazionale con divertenti applicazioni, attività ed esercizi; allo stesso tempo favorisce lo sviluppo di animazioni/presentazioni digitali ed elementi di computer grafica.

“BULL STOP code si pone come finalità il contrasto al bullismo e cyberbullismo, promuovendo ricerca, azioni e proposte di etica, nel senso di comportamento, di azioni e parole buone distinte da quelle cattive, e saggezza digitale, ma anche una riflessione più consapevole sull’uso delle tecnologie.

Il prodotto da noi elaborato ha avuto come riferimento il progetto formativo di “Alfabetizzazione Informatica e Saggezza Digitale”, rivolto ai nostri docenti e condotto dal professor Norberto Patrignani, che insegna al Politecnico di Torino e continua a studiare una particolare disciplina, la Computer Ethics.

Richiamo fondamentale è anche stato “HappyOnlife” del 2015, una raccolta di progetti, attività e strategie di cittadinanza digitale, a cura del Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea – Istituto per la protezione e la sicurezza dei cittadini.

Altra fonte di studio per noi alunni, è stato il progetto del Miur finanziato dall’Unione Europea, “Generazioni Connesse”, attività che ci ha educato e sensibilizzato all’uso positivo e consapevole di Internet e dei nuovi media, unito a diversi incontri con esperti e laboratori svolti in classe.

Ora entriamo nel gioco!

“BULL STOP code ha una struttura simile a quella del gioco dell’oca e si compone di quiz. L’obiettivo è favorire la riflessione sul tema della sicurezza in rete e sulle opportunità di una partecipazione digitale attiva. Ci teniamo a sottolineare che un comportamento corretto in rete è un comportamento corretto nella vita e anche il contrario funziona!

Gli argomenti delle domande  riguardano: l’uso di internet, i social network, i giochi online, l’impatto del digitale sui rapporti sociali e sull’ambiente. Le attività sono state da noi formulate in modo da stimolare la discussione tra i moderatori (gli adulti) e i giocatori (i bambini e i ragazzi), così da favorire l’acquisizione e il consolidamento delle competenze di cittadinanza.

Il gioco si avvale di 4 mazzi di carte, composti da 20 carte ciascuno, suddivisi per ambiti tematici che corrispondono ad azioni:

  1. STAI IN GUARDIA

Incontrare qualcuno che abbiamo conosciuto soltanto in rete può essere pericoloso.

  • Prima di tutto, bisogna parlarne con i genitori e farci accompagnare nel web.
  • Su internet non è tutto vero. Sarà necessario visitare diversi siti per verificare le informazioni.
  • È fondamentale prendersi cura dei nostri dati identificativi, sensibili e personali e non indicare/pubblicare: il nostro nome, indirizzo, numero di telefono, la scuola che frequentiamo, la nostra password, il nostro credo religioso, le nostre condizioni di salute, le nostre foto o quelle di altri. Dobbiamo tutelare la nostra privacy o riservatezza!

2. FERMA IL BULLO

Se ci sentiamo a disagio rispetto a qualcosa che avviene on o offline, dobbiamo chiedere aiuto:

  • parlarne ai nostri genitori o a un adulto di cui abbiamo fiducia; c’è anche il Telefono Azzurro all’19696 per noi ragazzi e al 114 per gli adulti.
  • mantenere la calma, non rispondere alle provocazioni e tenere traccia dei messaggi minacciosi per poterci difendere.
  • se siamo testimoni di un atto di cyberbullismo e bullismo, dobbiamo agire! Riferirlo a un adulto di fiducia.

3. RESTA CONNESSO

  • Bisogna postare con la testa: pensare prima di pubblicare perchè ogni cosa pubblicata in Internet rimane per sempre.
  • Non scrivere mai qualcosa che non avresti detto all’altro guardandolo negli occhi.
  • Curare la nostra reputazione digitale, fare attenzione a quello che si dice, si pubblica e si condivide sul web.
  • Facciamo attenzione alle truffe! Pop-up e pubblicità sono spesso trucchi per farci spendere soldi con un solo click. Chiudiamoli immediatamente cliccando sulla crocetta.

4. GIOCA SICURO

Divertiamoci senza danneggiare gli altri.

  • Portiamo la gentilezza e la cortesia anche on-line!
  • Rispettiamo noi stessi, non lasciamo che il gioco decida per noi.
  • Fissiamo un tempo di gioco e rispettiamolo.

 

Utili sono le carte ANTIVIRUS per salvarsi dalle penalità, formative e di riflessione saranno le carte LO SAPEVI CHE? e IMPREVISTI e le attività di CODING all’interno di SCRATCH BOX. Le ultime sono state sviluppate appunto con Scratch, un ambiente di programmazione gratuito, che utilizza un linguaggio di tipo grafico, grazie al quale un computer può comprenderci ed eseguire quanto gli diciamo di fare. Tale linguaggio è adatto a noi studenti, agli insegnanti e anche ai genitori!

Scratch prevede un approccio orientato agli oggetti (denominati Sprite) ed un linguaggio di programmazione che consente di elaborare storie interattive, giochi, animazioni, arte e musica. Inoltre permette di condividere i progetti con altri utenti del web.

Scratch è caratterizzato da una programmazione con blocchi di costruzione (blocchi grafici) creati per adattarsi l’un l’altro, ma solo se inseriti in corretta successione: solo in questo modo si evitano inesattezze nella sintassi.

Lo slogan della comunità online di Scratch recita “Immagina, Programma, Condividi”, sottolineando l’importanza della condivisione e degli aspetti sociali della creatività.

I progetti Scratch, essendo a codice aperto, sono liberamente modificabili e utilizzabili per creare nuovi progetti. Gli algoritmi creati possono essere inviati direttamente dal programma al sito web di Scratch, e qualsiasi membro della comunità può scaricarne il codice per studiarlo o modificarlo dando vita ad nuovo progetto.

Il nostro gioco ha sviluppato diverse animazioni digitali sui vantaggi o gli svantaggi dell’utilizzo di INTERNET, da noi chiamate GOOD NEWS e BAD NEWS. Sono dei piccoli spot realizzati con Powtoon, un software di animazione online, fondato nel 2012, che ci ha consentito di creare presentazioni animate manipolando oggetti pre-creati, immagini importate, musica fornita e voice-over

Per noi alunni è stata un’esperienza istruttiva e allo stesso tempo divertente.

Vogliamo sottolineare che è stata possibile perché molte persone hanno offerto le loro risorse e capacità, tra queste i collaboratori del Gruppo Loccioni, che ringraziamo.

Il nostro desiderio è che questo gioco possa essere di tutti e per tutti.

Giocate con noi!

https://scuolangeli.wixsite.com/scuolab/coding

Gli alunni delle Classi 2A e 2C

 

 

 

on paper